martedì 8 ottobre 2019

IL RIFUGIO DELLA SABBIA, intime nostalgie dal Nabucco



DOMENICA 13 OTTOBRE 2019, GALLERIA SAN LUDOVICO, DALLE 16 ALLE 19

Ingresso libero, prenotazione obbligatoria (verdioff@teatroregioparma.it)


a cura di Festina Lente Teatro e Vagamonde
Commissione di VerdiOFF in prima assoluta 



  «Come in Nabucco il popolo ebraico è costretto all’esilio, i protagonisti dello spettacolo guardano alla terra lasciata e alla terra ritrovata per ridisegnare relazioni, storie, idee, pensieri e per intercettare i cambiamenti in atto. La cultura è in continua evoluzione, gli individui sono in continuo mutamento. Il nostro tentativo è quello di andare avanti, non di tornare indietro. In un’epoca in cui si pensa che tutto debba rimanere immobile, tutto si debba chiudere, l’arte diventa quasi un fatto politico. Non dobbiamo avere paura del cambiamento, siamo chiamati a grandi cose, ad aprirci, accogliere, capire. Non importa la religione, l’età, il colore della pelle: insieme lavoriamo intorno ad un progetto comune e giochiamo a fare teatro. Il teatro è vita, offriamo una visione laica dello stare insieme.»

Andreina Garella



In scena un gruppo di donne di tutto il mondo, vecchie e nuove cittadine, migranti e native, sono le protagoniste dello spettacolo che tratta il tema dell’esilio come smarrimento e perdita, ma anche come condizione di salvezza e rinascita che sembra annunciare il mondo di domani.

Il pubblico in movimento, vincolato da una sbarra, si sposterà nello spazio scenico curato da Mario Fontanini nel quale azioni, musica e parola si intrecciano e si sovrappongono in un viaggio attraverso le differenze culturali e la comunanza di sentimenti.

La musica verdiana, nella ricerca musicale di Ailem Carvajal, irromperà nelle diverse azioni sceniche.

In concomitanza con lo svolgimento dello spettacolo, su un piccolo podio posto nello spazio antistante l’ingresso alla Galleria, alcuni cittadini e studiosi parleranno di esilio, di persone che per necessità o per scelta, hanno lasciato il proprio paese facendo spostamenti forzati o desiderati.



Il nuovo progetto prosegue il percorso teatrale che dal 2003 Festina Lente Teatro e Vagamonde conducono rivolto alle donne migranti e native, in cui sperimentano le straordinarie possibilità di relazione, espressione e riflessione offerte dalla pratica teatrale che permette a donne e uomini di parlarsi e ascoltarsi, convogliando in progetti comuni diverse culture, esperienze e aspettative. Un teatro che cerca la comunità e sperimenta l’incontro.


ideazione Andreina Garella e Mario Fontanini
regia Andreina Garella
ambientazione Mario Fontanini
musiche Ailem Carvajal


con Rodha Arewe, Isabel Esperanza  Arpasaca Chauca,  Pia Bizzi, Valentina Brinza, Greta  Cavalieri, Favour David, Sokhna Mariama Diakhate, Malki Thakshila Ekanayaka Ekanayaka Mudiyanselage, Roberta Garulli, Alida  Guatri, Polina Grusca, Lysette Gue, Enrica Mattavelli, Sandra Omorodion, Angela Pagani, Franca Pius, Teresa Portesani, Isabella Prealoni, Ishama Nethmi Rajasuriya Rankoth Pedige , Kushani Dilki Madubashini Rankoth Pedige, Rita Samson, Patrizia Sivieri, Simona Spaggiari, Aisha Tijni, Martina Zarlenga e Peter Arouma

organizzazione Alida Guatri
ufficio stampa Raffaella Ilari
foto Stefano Vaja

in collaborazione con Cooperativa Sociale Svoltare, Ciac onlus, Di Mano in Mano, Lago di Pane
Si ringraziano i Missionari Saveriani

lunedì 30 settembre 2019

LA VITA NON SA DI NOMI il documentario

Martedì 1 ottobre 2019 Libreria Einaudi Reggio Emilia

Un progetto di teatro e salute mentale per raccontare e scoprire che la fragilità è una delle tante forme di stare al mondo. Un gruppo di attori e attrici, fuori dagli schemi. Una realtà artistica, nata dal  disagio e dall’esclusione sociale. 

 

giovedì 14 marzo 2019

14 DICEMBRE 2018

IL MERAVIGLIOSO ORDINARIO in tournèe

Nell'anno in cui ricorrono i quarant'anni della legge Basaglia lo spettacolo sarà rappresentato nelle stagioni teatrali di Agorà Bologna (14 dicembre 2018 San Vincenzo di Galliera) del Teatro Magnani di Fidenza, Parma (19 dicembre 2018) del Teatro Asioli di Correggio, Reggio Emilia (8 gennaio 2019)



MOVIMENTI Teatri della Salute 
Grazie al protocollo d'intesa "Teatro e Salute Mentale", sottoscritto dalla Regione Emilia Romagna - Assessoratp alla cultura e Assessorato alle politiche della salute. Coordinamento Teatro e Salute Mentale.

6 dicembre 2018



LA VITA NON SA DI NOMI è stato selezionato per la 36ma edizione del Bellaria Film Festival, per la categoria BEI DOC.



25 novembre 2018

Il teatro responsabile
TEDxParma 2018
Andreina Garella regista di Festina Lente Teatro assieme a Sokna Mariama Diakhate


                                

SABATO 10 NOVEMBRE 2018

LIBERI D. 
Un azione di teatro urbano ai tavolini dei bar, sabato 10 novembre 2018 dalle 9 alle 13 in alcuni bar di Parma. 
In collaborazione con Vagamonde e Comune di Parma, all'interno della rassegna Viva i diritti.




1948-2018 La dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo compie 70 anni. Noi ricordiamo l'articolo 13: Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato. Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese. Il diritto alla libertà di movimento, la libertà di spostarsi, la libertà di migrare, il diritto a restare, la ricerca della felicità, il diritto alla qualità della vita deve essere un diritto di tutti, non un lusso di pochi.